GOODBYE TO THE ICONIC SYLVIA KRISTEL

Sylvia Kristel as Emmanuelle still image from the 1974 movie Emmanuelle by Just Jaeckin

It passed today at the age of 60 – due to a throat cancer -, the Netherlander iconic actress Sylvia Kristel who subverted the erotic imagery under the sign of sexual liberation featuring  during the Seventies as Emmanuelle in the celebrated movies series by Just Jaeckin, based on the books by Emmanuelle Arsan. Beyond the other works she made with directors as Roger Vadim and Salvatore Samperi, I like reminding her as Emmanuelle, lazy, bourgeois young woman, bored by her husband who explores eroticism in all its possible variations.

ADDIO ALL’ ICONICA SYLVIA KRISTEL

È venuta a mancare oggi all’ età di 60 anni – a causa di un cancro alla gola – l’ iconica attrice olandese Sylvia Kristel che ha sovvertito l’ immaginario erotico all’’ insegna della liberazione sessuale vestendo i panni di Emmanuelle nel celebre serie di film di Just Jaeckin, basata sui libri di Emmanuelle Arsan. Al di là degli altri lavori da costei realizzati con registi quali Roger Vadim e Salvatore Samperi, mi piace ricordarla come Emmanuelle, giovane pigra donna borghese, annoiata del marito che esplora l’ erotismo in tutte le sue possibili varianti.

Sylvia Kristel as Emmanuelle, still image from the movie by Just Jaeckin

GOODBYE TO A LEGEND, ANNA PIAGGI

Anna Piaggi, photo by N

The legendary and iconic journalist, author Anna Piaggi – who was born on March 23rd 1931 -, died in Milan at her house a couple of minutes ago(. Thus unofficial voices referred). I am sad to say goodbye to the one of most emblematic voices of Italian fashion journalism, who has made of unforgettable Double Pages of Vogue Italia and the enchanting book “Anna-chronique”(Longanesi, very rare book) made along with her darling friend Karl Lagerfeld and has featured in “Fashion-ology”(of whose catalogue has made by Judith Clark), the exhibition which paid homage to her, held in 2006 in London at Victoria & Albert Museum. A legend who will live forever in the minds and hearts of all the ones who love her.

ADDIO A UNA LEGGENDA, ANNA PIAGGI

Anna-chronique by Anna Piaggi & Karl Lagerfeld

La leggendaria ed iconica giornalista e scrittrice Anna Piaggi – che era nata il 23 marzo 1931 -, é morta a Milano presso la sua dimora un paio di minuti fa( come hanno riferito voci non ufficiali). Mi duole dire addio ad una delle più emblematiche voci del giornalismo italiano di moda che ha realizzato le indimenticabili Doppie Pagine di Vogue Italia e l’ incantevole libro “Anna-chronique”( Longanesi, libro molto raro) realizzato insieme suo caro amico Karl Lagerfeld ed è stata protagonista di “Fashion-ology”( il cui catalogo é stato curato da Judith Clark), la mostra che le ha reso omaggio, tenutasi nel 2006 a Londra presso il Victoria & Albert Museum. Una leggenda che vivrà per sempre nelle menti e nei cuori di tutti coloro che la amano.

R.I.P. WHITNEY HOUSTON

Whitney Houston

It recently passed at the age of 48 the celebrated singer and actress Whitney Houston who unsuccessfully tried fighting against drugs addiction, may her rest in peace.

R.I.P. WHITNEY HOUSTON

È recentemente venuta a mancare all’ età di 48 anni la celebre cantante attrice Whitney Houston che infelicemente aveva provato a lottare la dipendenza dalle droghe, possa costei riposare in pace.

THE MELANCHOLY OF ALL SOUL’S DAY

Melancholy, the sadness becoming lighter, caressing feeling features in this day, celebrating the people who passed and evokes the custom of visiting the cemeteries, mystic, silent and peaceful places – that always fascinated me, rethinking about a beautiful cemetery in the countryside where the body of my homonym granny was I used to visited as child along my parents yesterday and where I came back today for visiting the tomb of my father -, for bringing flowers to the dear deads. I like to celebrate this day, reminding the lyrics of the poetry by TotòA’ livella”- standing as “The level”, instrument used by masons to level out the walls -, amazing metaphor asserting a deep truth: “ Do you know what is the death…it’s like a level”, a king, a judge, a great man, entering into this gate has considered you lost all, the life and name. Thus listen to me, tolerate me close to you, why do you care? These clownings are made only by the alive people, we are serious people, we belong to death”.

LA MALINCONIA DEL GIORNO DEI MORTI

Malinconia, tristezza che diventa più leggera, carezzevole sentimento protagonista di questa giornata che celebra le persone che sono venute a mancare ed evoca la consuetudine di visitare i cimiteri, luoghi mistici colmi di pace e silenzi – che mi hanno da sempre affascinato, ripensando al bel cimitero di campagna in cui giaceva il corpo di mia nonna omonima che ero solita visitare ieri da bambina con i miei genitori e nel quale son tornata oggi per far visita alla tomba di mio padre – per portare i fiori ai cari defunti. Mi piace celebrare questa giornata, ricordando i versi della poesia di Totò, “A’ livella”- che sta a significare “La livella”, strumento usato dai muratori per livellare i muri, splendida metafora con la quale si afferma una profonda verità: “‘A morte ‘o ssaje ched’è…è una livella”, ‘nu rre, ‘nu magistrato, ‘nu grand’ ommo trasenno stu canciello ha fatt’o punto c’ha perzo tutto, ‘ a vita e pure ‘o nomme. Perciò stamme a ssenti, suppuorteme vicino che te ‘mporta? Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive: nuje simmo serie…appartenimmo â morte”.

LOTUS EVORA S FREDDIE MERCURY EDITION, A CAR CELEBRATING FREDDIE MERCURY

Lotus Evora S Freddie Mercury edition

Today, twenty years after the death – due to HIV – of the legendary singer Freddie Mercury, front-man of Queen band, it will be will be sold by auction during the event “Freddie for a day”, organized by the charity Mercury Phoenix Trust, the Lotus Evora S Freddie Mercury Edition, an unique car created to celebrate his sixty-fifth birthday. The aesthetics of car is inspired to the colors of costume worn by the artist during the Magic Tour in 1986 – white, red and gold – emphasized by other details as the silhouette of artist and its signature appearing on the back of care. The proceeds resulting from the sale will be donated for the research against HIV. A successful initiative to remind an unforgettable artist.

LOTUS EVORA S FREDDIE MERCURY EDITION, UNA MACCHINA CHE CELEBRA FREDDIE MERCURY

Lotus Evora S Freddie Mercury Edition

Oggi, venti anni dopo la morte – dovuta all’ HIV – del leggendario cantante Freddie Mercury, leader dei Queen, sarà venduta all’asta in occasione dell’evento “Freddie for a day”, organizzato dall’ associazione di beneficienza Mercury Phoenix Trust, la Lotus Evora S Freddie Mercury Edition, un’automobile unica creata per celebrare il suo sessantacinquesimo compleanno. L’estetica dell’automobile si ispira ai colori del costume indossato dall’artista durante il Magic Tour nel 1986 – bianco, rosso ed oro -, enfatizzata da altri dettagli quali la silhouette dell’artista e la sua firma che appare nella parte posteriore della macchina. I ricavati della vendita saranno donati per la ricerca contro l’HIV. Una felice iniziativa per ricordare un’artista indimenticabile.

www.freddieforaday.com

R.I.P. AMY WINEHOUSE

Amy Winehouse

Another artist dies: a couple of hours ago it has found in London area of Camden the died body of celebrated, iconic British singer and songwriter Amy Winehouse – renowned for her catchy music under the sign of r&b, soul, jazz sounds and a look evoking retro, burlesque suggestions reinterpreted in a personal way  – died at the age of 27, presumably due to overdose. Another tragic death, evoking others celebrated personas of music world who spent the life living on the edge as Jim Morrison, Janis Joplin, Jimi Hendrix and Sid Vicious. I say goodbye to another artist, a young life broken.

 

R.I.P. AMY WINEHOUSE

 

Un’altra artista muore: un paio di ore é stato trovato nell’area londinese di Camden il corpo esanime della celebre iconica cantante e cantautrice inglese Amy Winehouse – nota per la sua musica all’insegna di sonorità r&b, soul, jazz ed un look che evocava suggestioni retrò, burlesque, reinterpretate in chiave personale – scomparsa all’eta di 27 anni presumibilmente per overdose. Un’altra tragica morte che mi fa ripensare ad altri celebri personaggi del mondo della musica che hanno trascorso la vita, vivendo al limite quali Jim Morrison, Janis Joplin, Jimi Hendrix e Sid Vicious. Saluto per sempre un’altra artista, una giovane vita spezzata.

 

GOODBYE TO LUCIEN FREUD

Lucien Freud

 

I say goodbye to an unforgettable individual who has died today at age of 88, Lucien Freud, the most emblematic contemporary artist, grandson of the celebrated psychoanalyst Sigmund Freud, who made masterpieces as his self-portrait as well as portraits featuring Queen Elisabeth, Kate Moss, Jerry Hall and many other ones under the sign of the Hyperrealism of whose he has been a genuine master.

 

ADDIO A LUCIEN FREUD

Kate Moss, naked portrait by Lucien Freud

 

Saluto un individuo indimenticabile che é morto oggi all’età di 88 anni, Lucien Freud, l’artista contemporaneo più emblematico, nipote del celebre psicoanalista Sigmund Freud che ha realizzato capolavori quale il suo autoritratto come anche i ritratti della regina Elisabetta, Kate Moss, Jerry Hall e molti altri all’insegna dell’iperrealismo del quale é stato un autentico maestro.

 

Jerry Hall, naked portrait by Lucien Freud

GOODBYE TO MY FATHER…

Dear FBFers, a day ago my father – Filippo Garoffolo – suddenly died. The pain is great. Now I’m going to celebrate his funerals, saying goodbye for the last time to body of my father, who will be forever spiritually close to me. Here I celebrate my love for him as well as his life,  spent under the sign of love, honesty, solidarity, dignity and sharing, contributing to make me become the individual of whose I’m proud of being . There could be a lot of words, memories depicting my emotions, but I prefer to let the music speak. Thus here to you some songs, loved by my father as well as other ones that make me think about him.

 ADDIO A MIO PADRE…

Cari FBFers, un giorno fa mio padre – Filippo Garoffolo – è improvvisamente mancato. Il dolore è grande. Adesso sto per andare a celebrare i suoi funerali, dicendo per l’ ultima volta addio al corpo di mio padre che sarà per sempre a me vicino spiritualmente. Ivi celebro il mio amore per lui  come anche la sua vita, vissuta all’insegna dell’amore, onestà, solidarietà, dignità e condivisione contribuendo a farmi diventare l’individuo del quale sono fiera di essere. Ci potrebbero essere un sacco di parole, ricordi per dipingere le mie emozioni, ma preferisco lasciar parlare la musica. Pertanto eccovi alcune canzoni amate da mio padre come anche altre che mi fanno pensare a lui.

R.I.P. FAUSTO SARLI

Fausto Sarli, photo by Gregorio Borgia

The world of haute couture says goodbye to one of its most emblematic personas, the designer Fausto Sarli, master of “perfect cut” – appointed by the Venice Giorgio Cini Foundation as the only artisan able to restore the clothes of the unforgettable actress Eleonora Duse – who dressed during his career celebrities as Mina, Ornella Vanoni, Carla Bruni, Liz Taylor and Monica Bellucci of whose 50 creations he made are showcased in the Neaples Museum of Fashion

R.I.P. FAUSTO SARLI

Fausto Sarli Spring/Summer 2011

Il mondo dell’alta moda dice addio ad uno dei suoi personaggi più emblematici, il designer Fausto Sarli, maestro del “taglio perfetto” – designato dalla Fondazione Giorgio Cini di Venezia Giorgio Cini quale unico artigiano capace di restaurare gli abiti dell’indimenticabile attrice Eleonora Duse – che ha vestito durante la sua carriera celebrità quali Mina, Ornella Vanoni, Carla Bruni, Valeria Mazza, Liz Taylor and Monica Bellucci le cui 50 creazioni da lui realizzate sono esposte presso il Museo della Moda di Napoli.

Fausto Sarli Spring/Summer 2008

www.sarlicouture.it

 

 

GOODBYE MARIO MONICELLI, A ROMAN MEMORY

Mario Monicelli

 

Yesterday night the celebrated filmmaker Mario Monicelli chose to die, jumping from the window of Rome S.Giovanni hospital’s fifth floor, at the age of 95, giving up to fight against the tumor which pained him. A drastic decision – maybe not much understandable and unsettling for many ones -, arisen from a clear consciousness I deeply agree with: “ if I would be compelled to live a life which is not a life” – the filmmaker asserted – “ I also would end it all”. And thus he did. A moment and he is gone, freely choosing when dying. It stays the pain resulting from the disappearance of the Comedy Italian Style’s most emblematic persona of whose films – as “Big deal on Madonna Street”, “Girl with a gun”, “The army of Brancaleone” -, genuine cult-movies accompanied yesterday and today generations, sensitizing public awareness of topical issues. Irony, constructive critics and activism made Mario Monicelli an unforgettable artist. Kind man featuring in my memories, a chapter of life dating back over seven years ago. I love reminding a random meeting, evidencing the deep kindness, simplicity and helpfulness of Mario Monicelli. I was just moved in via Panisperna at the Rione Monti, the most ancient area of Rome where the filmmaker lived, also celebrated by the documentary he made “Vicino al Colosseo c’è Monti”, standing as “Close to Colosseum there is Monti”. One day I go out looking for a cleaner’s shop. Being unmotivated resulting from the expensive prices of a cleaner’s shop I find for random, I go to my friends Luca and Giacomo, owners of “Al Vino Al Vino” , wine bar in via dei Serpenti – a place I use going much more before moving in the area – and I talk about the expensive prices I found behind two men having the lunch. I knew one of the men, emblematic persona of the quarter, Angelo, the clochard of area, a distinguished man with azure eyes to whom my friends often gave something to eat and drink – who recently missed – and the other one was a white-bearded man with a stick and an embroidered skull cap I supposed being a friend of Angelo, thus presumably another clochard. This man stands up and immediately brings me in another cleaner’s shop, telling me it has fair prices. Few days after I see again the kind man who suggested me the cheap cleanser’s store and I immediately go thanking him for the suggestion while I am with my friend Fabrizio who continuously asks me if I know Mario Monicelli. Obviously I didn’t know him. After  thanking the man, I come back to my friend who asks me again for the same question – if I know Mario Monicelli – and I again tell him I don’t know him- He smiles at me, saying me: “you just now talked with Mario Monicelli”. The kind man I considered as a clochard like Angelo, instead he was Mario Monicelli who I was pleased of seeing again during the year I spent living in the Rione Monti. A nice misunderstanding I joyfully remind. The best way for celebrating Mario Monicelli, smiling.

ARRIVEDERCI A MARIO MONICELLI, UN RICORDO ROMANO

Ieri notte il celebre regista Mario Monicelli ha scelto di morire, gettandosi dalla finestra del quinto piano dell’Ospedale S. Giovanni di Roma, all’età di 95 anni, rinunciando a lottare contro il tumore che lo affliggeva. Una decisione drastica – forse poco comprensibile e sconvolgente per molti – nata da una lucida consapevolezza che profondamente condivido: “se dovessi essere costretto a una vita che non è vita”- ha affermato il regista – “la farei finita anch’ io”. E così ha fatto. Un attimo ed è andato via, scegliendo liberamente quando morire. Resta il dolore per la scomparsa di uno dei più emblematici protagonisti della commedia all’italiana le cui pellicole – quali “I soliti ignoti”, “La ragazza con la pistola”, “L’armata Brancaleone”, “Casanova ‘70” – autentici cult-movie hanno accompagnato generazioni di ieri e di oggi, sensibilizzando l’opinione pubblica su questioni di attualità. Ironia, critica costruttiva e impegno hanno reso Mario Monicelli un artista indimenticabile. Uomo gentile che fa parte dei miei ricordi, un capitolo della vita risalente a più di sette anni fa. Mi piace ripensare a un incontro casuale dal quale si evince la profonda gentilezza d’animo, semplicità e disponibilità di Mario Monicelli. Mi ero appena trasferita a via Panisperna nel Rione Monti, il più antico quartiere romano in cui viveva il regista, celebrato anche dal suo documentario “Vicino al Colosseo c’è Monti“.  Un giorno esco alla ricerca di una tintoria. Demotivata dal caro-prezzi di una tintoria che trovo per caso, vado dai miei amici Luca e Giacomo, proprietari della Vineria “Al Vino Al Vino” in Via dei Serpenti – luogo che frequentavo abitualmente molto prima di trasferirmi nel quartiere – e spiego la situazione del caro-prezzi dinanzi a due signori che stavano pranzando. Uno dei due uomini lo conoscevo, un personaggio emblematico del quartiere, Angelo, il clochard della zona, un distinto signore dagli occhi azzurri a cui i miei amici davano spesso da bere e da mangiare – che recentemente è mancato – e l’altro era un signore con la barba bianca, il bastone e una papalina bianca ricamata che ritenevo un amico di Angelo, perciò presumibilmente un altro clochard. Questo signore si alza in piedi e immediatamente mi accompagna in un’altra tintoria, dicendomi che aveva prezzi ragionevoli. Dopo pochi giorni rivedo il gentile signore che mi aveva consigliato la tintoria economica e vado immediatamente a ringraziarlo mentre sono in compagnia del mio amico Fabrizio che mi chiede continuamente se conosco Mario Monicelli. Ovviamente non lo conoscevo. Dopo aver ringraziato l’uomo gentile, ritorno immediatamente dal mio amico che mi fa la medesima domanda –  se conoscevo il Mario Monicelli – e gli dico ancora una volta che non lo conosco. Mi sorride, dicendo: “hai appena parlato con Mario Monicelli”. Il gentile uomo che consideravo un clochard come Angelo era invece Mario Monicelli che ho poi avuto il piacere di rivedere altre volte durante l’anno passato a vivere nel Rione Monti. Un simpatico equivoco a cui ripenso gioiosamente. Il modo migliore per celebrare Mario Monicelli, sorridendo.

 

Blog at WordPress.com.

Up ↑